Utilizzare iPhone per misurare i battiti cardiaci

Come misurare i battiti cardiaci con l'iPhone

Una delle funzioni principali presentate qualche mese fa nel corso dell’evento di presentazione del Samsung Galaxy S5, il principale concorrente dell’iPhone, è stata la possibilità di utilizzare il telefono coreano per misurare i battiti cardiaci in un modo molto semplice ed intuitivo, ovvero appoggiando il dito sulla fotocamera del telefono in modo che le nostre pulsazioni potessero essere registrate.

Samsung, a differenza di Apple, ha puntato molto su questa funzionalità, ma è bene sapere che questa possibilità è presente anche sul nostro telefono, nonostante sia necessario rivolgerci ad app terze per utilizzarla.

La misurazione della frequenza cardiaca è molto importante sia per chi deve tenerla sotto controllo per fini medici, sia per chi fa sport, e potrà essere registrata in un grafico esportabile in altre app, tra cui presumibilmente la nuova Health, quando sarà disponibile il nuovo iOS 8.

Runtastic Heart Rate Monitor

Chi fa sport, semplicemente, non può non conoscere Runtastic. Si tratta di una serie di app, disponibili su App Store, che permettono di monitorare moltissimi aspetti della nostra attività fisica, tra cui il chilometraggio percorso, i passi effettuati, la nostra velocità e ovviamente la frequenza cardiaca.

Questa viene valutata specificamente tramite l’app Runtastic Heart Rate Monitor, che misura la velocità dei battiti e ne fa un grafico, che se vogliamo possiamo esportare sui social network (anche se non capisco perché) oppure via mail, che può essere utile se dobbiamo ad esempio rimanere in contatto con il nostro medico per problemi cardiaci.

Come funziona

Il funzionamento è molto semplice, e non è molto diverso da quello che troviamo sul nuovo Galaxy: tutto ciò che dobbiamo fare è appoggiare il nostro dito sulla fotocamera posteriore, quindi tenerlo lì fin quando l’app non avrà terminato la misurazione.

Il funzionamento si basa sul lieve cambiamento di colore della pelle del dito quando passa più sangue (cioè quando il cuore lo ha pompato nelle arterie) rispetto al momento in cui ne passa meno, ovvero quello in cui il cuore si sta riempiendo di sangue per spingerlo di nuovo. In questo modo non misuriamo proprio la frequenza cardiaca, per cui avremmo bisogno del fonendoscopio, quanto la misurazione chiamata polso.

Il grafico è piuttosto preciso e rispecchia quello che potremmo ricavare sentendo le pulsazioni con le dita, ma basandosi sulla differenza di colore (lievissima, tra l’altro) dobbiamo adottare una serie di accorgimenti.

Primo, non dobbiamo premere troppo il dito (se premiamo creiamo un’ischemia che non lascia passare il sangue, quindi la misurazione non avverrà) ma nemmeno troppo poco; inoltre dobbiamo essere in un ambiente bene illuminato, oppure attivare il flash della fotocamera.

Altra cosa, bisogna stare tranquilli e più fermi possibili con il dito, visto che se ci muoviamo il colore del dito cambierà e il movimento verrà interpretato come un battito in realtà inesistente, rendendo inesatta la misurazione.

Detto questo, non vi resta che provare questo nuovo metodo di misurazione cardiaca: tutto ciò che dovrete fare è scaricare l’app da App Store tramite questo collegamento.

 

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Scoprilamela.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons