Portare iPhone in spiagga: come non farlo surriscaldare

Come evitare il surriscaldamento dell'iPhone

Arriva l’estate, e dopo un anno di lavoro, di stress, di problemi non aspettiamo altro che andare sulla spiaggia a prendere il sole e nuotare, senza pensare a nulla. Tuttavia, anche in un posto idilliaco, non riusciamo mai ad allontanarci dal nostro iPhone, per avere la possibilità di essere connessi con i nostri amici e di poter effettuare o ricevere telefonate quando vogliamo.

Tuttavia il caldo della spiaggia non è certo uno dei migliori amici del nostro iPhone, e anzi dobbiamo fare molta attenzione a portarlo con noi: un paio d’ore nel posto sbagliato, generalmente sotto il sole diretto, potrebbe comprometterne il funzionamento anche in modo irreversibile.

E senza la possibilità di avvalerci della garanzia, visto che il danno è stato provocato da noi e non si tratta di un difetto di fabbrica.

Prima di arrivare a questi livelli, quindi, potete seguire la nostra semplice guida per evitare il surriscaldamento del dispositivo; non è difficile da seguire, sono piccoli accorgimenti che non possono fare altro che bene al nostro iPhone.

Come evitare il surriscaldamento dell’iPhone

  • Per prima cosa, carichiamo l’iPhone nelle ore più fredde della giornata, in particolare di notte. La ricarica infatti fa scaldare il nostro iPhone, e questo unito al calore ambientale potrebbe rovinarlo, in particolare se gli chiediamo di fare altre cose piuttosto pesanti, come eseguire i giochi, come vedremo più in basso.
  • Tra l’altro, quando carichiamo, cerchiamo di evitare di tenere l’iPhone in una custodia, che limita il dissipamento del calore aggravando il problema. Se utilizziamo una custodia, specie quelle impermeabili, ricordiamo di togliere l’iPhone dall’interno per poi inserirlo di nuovo una volta terminata la ricarica.
  • Quando l’iPhone è carico stacchiamolo dalla corrente. Anche se la batteria, dopo il 100%, non “accetta” più carica la corrente continua ad arrivare, e il dispositivo deve dissiparla; questo lavoro crea calore, che può essere evitato in modo molto semplice. Facciamo quindi attenzione a staccare la spina a telefono carico.
  • Sembra stupido, lo abbiamo già detto, ma evitiamo di tenere il telefono sotto la luce solare diretta. È forse la causa principale del surriscaldamento, in quanto i metodi di dispersione del calore che l’iPhone possiede non sono assolutamente sufficienti a evitare problemi; oltretutto l’alluminio di cui è costituito il telefono tende ad accumulare calore, peggiorando le cose.
  • Direttamente correlata alla precedente, evitiamo di tenere l’iPhone in macchina in cui la temperatura può diventare molto, molto alta. Se poi c’è un posto da evitare assolutamente questo è il cruscotto, che anche se quando parcheggiamo è in ombra potrebbe essere esposto alla luce solare diretta dopo qualche ora. Facciamo attenzione.
  • Se sentiamo che l’iPhone è già caldo di suo, evitiamo di peggiorare la situazione utilizzando app o giochi molto pesanti. Anche se sono belli, infatti, tendono a far surriscaldare il processore, e uniti al caldo ambientale possono creare seri problemi al dispositivo.
  • Se l’iPhone dissipa il calore, lo fa anche tramite le aperture che ha a disposizione come il dock del jack o quello dove inseriamo il caricabatterie. Visto che in queste aperture tende ad accumularsi la polvere, questa può creare un “manto” che fa trattenere calore all’interno del dispositivo. Perdiamo quindi qualche minuti per rimuovere, con un oggetto sottile, la polvere dai fori del telefono.
  • Ultimo consiglio, quello di evitare l’umidità. Se il caldo di per sé è già un problema, l’umidità impedisce gli scambi di calore e non fa altro che aggravarlo. Se vogliamo quindi portare l’iPhone al mare facciamolo, con le dovute accortezze, visto che la spiaggia è generalmente un luogo ventilato; evitiamo invece le piscine, dove solitamente c’è molta più umidità e tra l’altro siamo anche a rischio schizzi. Meglio tenere l’iPhone al sicuro negli appositi armadietti a disposizione.

 

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Scoprilamela.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons