La polizia americana in grado di hackare anche iPhone 5S!

iPhone 5SUn’altra falla nella sicurezza di Apple e questa volta non riguarda iPhone 5, che è stato “bucato” con successo dall’FBI per recuperarne i dati all’interno.

Questa volta infatti la notizia che arriva dagli Stati Uniti riguarda un dispositivo più nuovo, iPhone 5S, che sarebbe stato “bucato” senza troppi problemi dalla polizia di Los Angeles.

Si tratta di una notizia importante, dato che il LAPD (famoso anche perché comparso in moltissimi film) sarebbe riuscito a superare la protezione passcode, pur senza conoscere il numero inserito dal proprietario dello smartphone.

La notizia è cominciata a circolare dopo che il caso di April Jace, vittima di omicidio nonché moglie dell’attore Micheal Jace, è arrivato alla corte.

Si tratta di una notizia di quelle importanti, soprattutto se inserita nel contesto degli ultimi mesi, mesi durante i quali l’FBI avrebbe speso ben 1 milione di dollari per acquistare un bug in grado di superare le protezioni di alcuni telefoni Apple, che non includeva però iPhone 5S.

Di che bug si tratta?

Non è dato saperlo, visto che la polizia di Los Angeles afferma semplicemente di essersi servita della consulenza di un importante esperto di sicurezza informatica per superare l’ostacolo.

Il bug utilizzato sarebbe diverso da quello utilizzato dall’FBI per sbloccare l’iPhone 5 dei terroristi di San Bernardino, e pagato, come abbiamo ricordato poco fa, oltre un milione di dollari.

Di chi erano i dati all’interno del telefono?

Appartenevano ad April Jace, uccisa, presumono gli inquirenti, per mano del marito Micheal Jace, con il quale, sempre secondo le ricostruzioni degli inquirenti, avrebbe avuto un violento alterco via SMS poche ore prima di essere ritrovata morta.

Per questo motivo, almeno secondo la polizia, i dati contenuti all’interno del telefono erano di fondamentale importanza per ricostruire quanto avvenuto nelle ultime ore di vita della vittima.

Recuperare uno smartphone iPhone disabilitato

Quello che è più interessante è che sembra che la polizia sia addirittura riuscita a recuperare uno smartphone bloccato da Apple, in quanto i tentativi per attivarlo erano tutti andati male. Si erano terminati i tentativi possibili con il codice e il telefono era stato “obliterato” via remoto da Apple.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Scoprilamela.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons