Come ricaricare iPhone più velocemente

Come velocizzare la ricarica dell'iPhone

La batteria del nostro iPhone non è certo la caratteristica migliore di cui il telefono è dotato.

Si scarica infatti molto velocemente, e ancora di più se utilizziamo giochi e app particolarmente pesanti disponibili su App Store.

La ricarica, di contro, è abbastanza rapida, ma possono esserci situazioni un cui dobbiamo uscire in fretta e ci accorgiamo che il telefono è scarico.

Dobbiamo cercare così di racimolare più carica possibile per far durare la batteria a lungo durante il periodo in cui non siamo in casa.

Di seguito una serie di accorgimenti per rendere più veloce la ricarica del nostro iPhone: possiamo agire in questo senso su due fronti, il primo è quello di fornire maggiore energia al telefono mentre il secondo è quello di minimizzare l’utilizzo della batteria durante la ricarica. Vediamo.

Fornire più energia all’iPhone

È ovvio che la ricarica a partire da una presa elettrica è più veloce rispetto a quella di una batteria esterna, di un computer o del caricatore dell’auto, quindi come avrete immaginato otteniamo la massima velocità di ricarica con una presa a muro.

Anche qui, però, ci sono delle considerazioni da fare: la presa elettrica può mandare tantissima energia ai dispositivi, ma a differenza di un ferro da stiro o di un forno, l’iPhone ne richiede poca. La “quantità” è decisa dall’amperaggio, che dipende dal trasformatore (ovvero la presa a muro, che trasforma la corrente alternata dell’impianto elettrico in corrente diretta) utilizzato nella ricarica.

Di trasformatori che vanno da presa a muro ad USB probabilmente ne abbiamo in casa diversi. Quello dell’iPhone ha un amperaggio medio, mentre quello degli iPad “normali” e dell’iPad Mini 2 sono migliori, ovvero lasciano passare più corrente; utilizziamo quindi quei trasformatori piuttosto che quello dell’iPhone per rendere la ricarica più veloce, se li abbiamo.

Possiamo utilizzare anche trasformatori di altri tablet, ma sempre facendo attenzione alle informazioni scritte sul trasformatore stesso: l’amperaggio tanto maggiore è, meglio è (quando abbiamo bisogno di ricaricare velocemente) mentre il voltaggio deve rimanere uguale a quello del trasformatore proprio dell’iPhone, per evitare di rovinarlo.

Da notare che a lungo andare l’amperaggio troppo alto può rovinare la batteria dell’iPhone: utilizziamo il trasformatore “sbagliato” solo quando abbiamo necessità di una ricarica veloce, ogni tanto; se ricarichiamo l’iPhone durante la notte utilizziamo, invece, il suo trasformatore.

Minimizzare lo spreco di batteria

Il secondo metodo può essere utilizzato da solo o in combinazione con il primo, a nostra scelta; combinati renderanno più veloce la ricarica.

Si basa sul presupposto che l’unica alimentazione dell’iPhone è la batteria. Il cavo ricarica la batteria, non fornisce corrente direttamente al telefono. Quindi dobbiamo rendere minimo il consumo di batteria durante la ricarica, interrompendo i processi inutili. Ecco qualche accorgimento da prendere:

  • Non utilizziamo l’iPhone durante la ricarica, e se dobbiamo farlo utilizziamolo il meno possibile.
  • Lasciamo lo schermo spento durante la ricarica, o comunque impostiamo la luminosità minima possibile, per evitare un consumo eccessivo della batteria.
  • Non ascoltiamo musica e soprattutto non utilizziamo gli altoparlanti esterni per sentirla; se non possiamo farne a meno, ascoltiamola con le cuffie.
  • Interrompiamo quanto più possibile le connessioni. La cosa migliore sarebbe quella di impostare la modalità aereo, che isola completamente l’iPhone dal mondo esterno, come fosse spento. Se, però, non vogliamo disattivare la connessione telefonica per un po’ di tempo, disattiviamo almeno le altre connessioni, come il Wi-Fi ed il Bluetooth.
  • Chiudiamo tutte le app aperte in background tramite la doppia pressione del tasto Home: in questo modo quelle app non consumeranno energia della batteria.

Queste metodiche, combinate, possono riuscire anche a dimezzare il tempo di ricarica dell’iPhone; se, tuttavia, pensate di poter avere problemi di batteria piuttosto spesso, potete anche valutare l’acquisto di una batteria esterna da portare sempre con voi.

 

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Scoprilamela.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons