Boom Beach: recensione completa

La recensione del gioco del momento, Boom Beach

Uno dei giochi di maggior successo degli ultimi tempi è sicuramente Clash of Clans.

Si tratta di un gioco disponibile sia per iPhone, che per iPad, che per Android nel quale il nostro obiettivo è creare un villaggio quanto più potente possibile in senso militare, così da poter conquistare i villaggi avversari difendendo al contempo il nostro.

Visto il successo di questo gioco, che frutta agli sviluppatori qualcosa come 500.000 dollari giornalieri, i produttori hanno cercato di replicare creando un’esperienza simile ma con qualche miglioria: si chiama Boom Beach ed andiamo a darvi le nostre impressioni.

L’isola del tesoro

La differenza principale che possiamo notare tra il precedente titolo e Boom Beach è sicuramente l’ambientazione: infatti non ci troveremo in una sconfinata pianura con una serie di villaggi da conquistare, bensì dovremo gestire un isola cercando di liberare le isole adiacenti di un arcipelago gigantesco dalla fazione a noi opposta.

Chiaramente il gioco è impuntato sulla strategia, e il nostro obiettivo sarà quello di impiegare al meglio le nostre risorse per costruire sia le difese che le flotte per gli attacchi. Infatti non dovremo solo conquistare le isole controllate dagli avversari ma anche razziarle, e questa particolare attività dovrà essere svolta quando il proprietario dell’isola non è connesso al gioco: la stessa cosa può accadere anche a noi, ed è per questo che dovremo prestare sempre attenzione alla difesa.

Modello freemium e profondità strategica

Il gioco è gratuito. Questo significa che gli sviluppatori devono trovare un modo per guadagnare denaro reale, operazione affidata agli acquisti in-app: infatti non potremo costruire, né migliorare, più di un edificio alla volta, salvo ovviamente rendere istantanea la costruzione tramite l’utilizzo dei diamanti, che si pagano con valuta reale.

Se questo modello potrebbe sembrare frustrante, per quanto simile a quello utilizzato in altri giochi del genere (tra cui Clash of Clans stesso) un motivo per provare il gioco è la possibilità di poter attuare una strategia durante gli attacchi.

Se in vari giochi, infatti, noi indichiamo quale villaggio attaccare e gli eserciti lo fanno per conto proprio, a volte comportandosi “stupidamente”, in Boom Beach potremo inviare dei razzi segnaletici per definire quali obiettivi attaccare per primi, rispetto agli altri, e questo può portarci alla vittoria o alla sconfitta in relazione alla nostra abilità strategica.

In conclusione, Boom Beach è un gioco interessante, che purtroppo porta con sé molti dei difetti delle produzioni cosiddette “freemium”: peccato, per un gioco che si pone decisamente sulla strada giusta per gli amanti dei titoli a tema strategia.

 

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Scoprilamela.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons