Apple usa ricambi ricondizionati: Altroconsumo sul piede di guerra

altroconsumo contro AppleUn segreto che poi segreto non era, dato che Apple fa firmare tanto di contratto prima delle riparazioni. Ma questo non è bastato, perché in rete, e manovrato ad arte da Altroconsumo, è scoppiato lo scandalo.

Apple utilizzerebbe infatti ricambi ricondizionati, ovvero che sono stati presi da telefoni che non sono stati usati, ma ridati indietro dai consumatori e poi riportati alle condizioni di fabbrica.

Una pratica che permetteva da un lato ad Apple di risparmiare milioni di euro, ma dall’altro ai consumatori di avere riparazioni rapide e meno costose. Una situazione utile a tutti e anche alla natura, dato che si evitava di far finire nelle discariche telefoni che invece avrebbero potuto avere un’altra vita.

E invece qualcuno non ci sta, e in pieno stile americano d’importazione, approfittando anche dell’enorme cassa di risonanza che un’azienda come Apple può offrire ad associazioni di consumatori non molto conosciute, sembra che siano partite addirittura denunce, dato che la pratica sarebbe, almeno a detta di Altroconsumo, vietata in Europa.

Una situazione tra il demenziale e il paradossale, dato che componente ricondizionata vuol dire appunto riportata alle stesse condizioni del nuovo e dato che si tratta di una situazione dove non perde nessuno, o comunque sicuramente non i clienti di Cupertino.

Se stop dall’UE, perderanno i consumatori

Se lo stop da parte dell’Unione Europea dovesse veramente arrivare, a perderci saranno sicuramente i consumatori, che si vedranno i tempi delle riparazioni allungati e i costi delle stesse sicuramente incrementati, in una tutela del consumatore che pochissimo ha a che vedere con la protezione di questi.

Non è la prima volta infatti che associazioni per i consumatori attaccano Apple per pratiche in realtà a vantaggio dei consumatori, con lo scopo non dichiarato di guadagnarne in celebrità da una possibile causa legale.

Staremo a vedere, la bomba è stata preparata, starà ai tribunali decidere se farla detonare o no.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Scoprilamela.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons