Apple: pronto il sistema di pagamenti da persona a persona

APple PayApple non si ferma. Potrebbe essere questa la frase che riassume gli ultimi anni dell’azienda di Cupertino fondata da Steve Jobs. Si è rapidamente passati (anche se si tratta forse di un’era geologica se parliamo di informatica) dai computer ai telefoni, andando a finire poi sui tablet e sui servizi di musica.

In Italia forse non tutti lo sanno, dato che il servizio non funziona ancora, ma Apple è da tempo attiva anche nel mercato dei pagamenti telematici, con il suo, neanche a dirlo, Apple Pay.

Si tratta di un servizio che ci permette di pagare in diversi negozi negli Stati Uniti semplicemente con il nostro telefono e autenticandoci semplicemente con la nostra impronta digitale.

Si tratta di un sistema che, se dovesse prendere piede, diventerà davvero utile per i possessori di iPhone e che potrebbe lanciare Apple nell’Olimpo di uno dei settori più remunerativi del mondo.

Per ora solo “to business”

Fino ad oggi i sistemi di pagamento di Apple hanno funzionato solo “to business”, ovvero per pagare merci e servizi da un’azienda. Secondo le ultime indiscrezioni, però, Apple potrebbe raddoppiare e a breve potrebbero essere disponibili anche pagamenti da persona a persona, come avviene, per intenderci, con PayPal.

La fine di PayPal?

Probabilmente no, dato che PayPal continuerà comunque ad operare nel mondo online, mentre Apple potrebbe andare ad occupare quasi completamente, almeno tra i suoi utenti, i pagamenti tra privati.

Già accordo con diverse banche statunitensi

Secondo le indiscrezioni (che sono state confermate da più fonti), Apple avrebbe già stretto degli accordi con degli importantissimi gruppi bancari statunitensi. Questo dunque fa pensare che i pagamenti saranno, praticamente, da conto in banca a conto in banca, una riedizione digitale (ma fisica) dei bonifici bancari.

Incognita tempistiche

È comunque ancora da sciogliere il problema delle durate. Se è vero che i bonifici all’interno delle stesse banche sono istantanei, quelli tra diversi gruppi bancari richiedono da qualche ora a qualche giorno.

Si tratta, per il momento, del maggiore ostacolo che riguarda l’arrivo di un sistema di pagamenti da persona a persona targato Apple.

Cupertino però ci ha abituato a stravolgere le regole del gioco: staremo a vedere, nella speranza che il sistema di pagamenti arrivi, prima o poi, anche in Italia.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Scoprilamela.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons