Loading...

AirTag: la guida completa (Seconda Parte)

Proseguiamo con la nostra guida dedicata all’AirTag, il tracker firmato Apple che permette di localizzare e di individuare efficacemente gli effetti personali a cui è legato, come chiavi, borse, portamonete, biciclette, etc.

Per farlo basterà associare il proprio iPhone a uno o più AirTag (fino a un massimo di 16 tracker per cellulare), assicurarsi che la batteria sia sempre carica e utilizzare la funzione Dov’è per non perdere di vista gli oggetti tracciati da AirTag.

Nella prima parte dell’articolo abbiamo visto come individuare un oggetto dentro casa, ad esempio le chiavi, se non sono dovessero essere dove stanno di solito. Ma cosa accade se l’oggetto in questione è stato smarrito? Scopriamolo nelle prossime righe.

La funzione Modalità Smarrito

Nel caso in cui l’oggetto associato a un AirTag sia stato smarrito fuori casa, come al parco, in un negozio, etc., bisognerà attivare la funzione Modalità Smarrito all’interno dell’applicazione Dov’è. L’AirTag comincerà ad emettere un segnale acustico in modo da essere notato.

A questo punto verrà chiesto di digitare il proprio numero di telefono per essere contattati da chi ritroverà l’AirTag. È possibile anche lasciare un messaggio. Chiunque sarà nelle vicinanze dell’oggetto smarrito, o lo noterà per il suono, potrà identificarlo e avvertire il legittimo proprietario.

Tutto ciò grazie al proprio smartphone. Se si possiede un iPhone, bisognerà andare su Dov’è, Oggetti, Identifica l’oggetto trovato. Apparirà dunque il messaggio del proprietario e il numero di telefono. Con Android basterà avvicinare il proprio smartphone all’AirTag per visualizzare messaggio e contatto del proprietario.

Come ritrovare l’AirTag da soli

Se non si fosse fortunati, e toccasse ritrovare l’AirTag da soli, bisognerà arttivare la Rete Dov’è, il sistema innovativo senza paragoni di Apple. AirTag non dispone di una SIM o di un sistema di localizzazione incorporato, per questo deve appoggiarsi ad altri dispositivi.

Se nelle vicinanze c’è un iPhone, il tracker si collegherà automaticamente e senza richiedere alcuna autorizzazione alla connessione dati e al GPS del telefonino in questione in modo da essere localizzabile sulla mappa da parte del proprietario che l’ha smarrito.

Egli potrà quindi raggiugere il bene smarrito sfruttando l’appoggio anonimo della moltitudine di dispositivi nelle vicinanze. Ovviamente i dati del proprietario del telefono a cui l’AirTag si è collegato per comunicare la sua posizione non verranno rivelati in alcun modo, garantendo la privacy dell’utente.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Scoprilamela.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons